Descrizione immagine

 Studio di Architettura Romolo N. Pugliese - Ristrutturazione


Particolare attenzione è stata posta nella scelta e posa dei materiali isolanti, le immagini riportate evidenziano rispettivamente: la tassellatura del cappotto interno in pannelli di calcio silicato, la soluzione d’angolo di xps e pannello in calcio silicato e la posa a pavimento di pannelli in fibra di legno. Tali interventi, unitamente ad un impianto di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore, permettono di migliorare il comfort abitativo e diminuire notevolmente il fabbisogno energetico per riscaldamento. Si tratta della prima esperienza, dello Studio, di sperimentazione secondo gli standard CasaClima.

Descrizione immagine
Descrizione immagine

Riqualificazione ed ampliamento


Sopralzo di edificio e riqualificazione energetica dell’ esistente
Committente: privati
Realizzazione: ECI S.r.l. Per. Ind. Ornati Roberto

Anno: 2014
Certificazione: Cened Regione Lombardia
Classe energetica: A
Materiale: Struttura x-lam
Posizione: Rosate Milano

Relazione: 

Sopralzo di edificio esistente eseguito con struttura in legno x-lam da cm 12, cappotto 

in fibra minerale di cm 22, controparete in cartongesso in doppia lastra con intercapedine in lana minerale da cm 5, copertura in fibra di legno da cm 30, camera di ventilazione e sovrastante manto impermeabile provvisorio e successiva contro camera di ventilazione realizzata con le strutture porta tegole, serramenti in legno Uw 1,0 Wmq/k

Formazione di isolamento a capotto per il restante edificio in EPS da cm 14, sostituzione totale dei serramenti , con valore inferiore Uw 1,3. Wmq/k

Impianto costituita da una sola centrale termica con solare termico ad integrazione per il riscaldamento oltre ASC, per l’ampiamente è stato adottato impianto di vmc con recuperatore statico.

Riqualificazione ed ampliamento

Sopralzo di edificio e riqualificazione energetica dell’ esistente

Riqualificazione ed ampliamento

Sopralzo di edificio e riqualificazione energetica dell’ esistente

Riqualificazione ed ampliamento

Sopralzo di edificio e riqualificazione energetica dell’ esistente

Descrizione immagine

Da laboratorio a residenza


Località : San Fermo della Battaglia (CO)
Progettista: Ing. Alessandro Scialla
Consulente energetico: Arch. Mariangela Pini
Committente: privato

Anno: 2014
Certificazione: Cened+ Regione Lombardia
Classe energetica prevista : B
Materiale : struttura esistente di involucro in calcestruzzo, coibentazione e divisori interni con strutture a secco

Relazione:
Una unità immobiliare sita al piano terreno di una palazzina residenziale di quattro piani situata nel verde della provincia comasca.
Uno spazio sinora utili destinato a laboratorio da trasformare in residenziale, adeguandolo alle nuove esigenze abitative.


La ricerca di soluzioni che garantiscano condizioni di abitabilità e di benessere senza incidere eccessivamente sui costi di intervento.
L’impossibilità di coibentare dall’esterno e la necessità di non ridurre eccessivamente gli spazi interni.
Queste le condizioni che hanno portato all’utilizzo di materiali innovativi per la coibentazione delle parti opache di involucro: gli isolanti in teli multi riflettenti.

Complessivamente l’intervento ha visto la realizzazione di un vespaio areato per tutta la superficie dell’appartamento , la modifica dei vani delle aperture adeguandole alle esigenze di aeroilluminazione degli spazi abitativi, la realizzazione di nuove partizioni interne ed il rifacimento completo degli impianti di riscaldamento, produzione a.c.s. ed elettrico.
La coibentazione del solaio verso il vespaio areato è stata realizzata con uno strato di isolante in pannelli di XPS a cui sono stati aggiunti un massetto a bassa conducibilità ed i pannelli di supporto dell’impianto radiante a pavimento.

Per le pareti verso l’esterno è stata utilizzata la tecnica di posa a secco di teli multi riflettenti, ponendo cura nel risvolto a pavimento, a soffitto e sulle pareti interne per attenuare l’effetto dato dai ponti termici strutturali. L’utilizzo di questa tecnologia e di una struttura “leggera” per l’interno delle pareti, in regime estivo viene compensato dalla strutture esistente che presenta tutte pareti in calcestruzzo pieno per uno spessore di 30 cm. mantenendo quindi adeguati valori di massa, con i conseguenti valori di attenuazione e sfasamento dell’onda termica .

L’impianto realizzato prevede un generatore di calore a gas a condensazione ed il contributo per la produzione a.c.s. con pannelli solari termici installati sulla copertura del vicino garage.

Dalle verifiche di calcolo non risulta formazione di condensa, ciononostante è prevista anche la predisposizione di un impianto di VMC  in tutti i locali.

Descrizione immagine

Recupero sottotetto


Sesto San Giovanni (MI)
Recupero abitativo del piano sottotetto con formazione di due appartamenti indipendenti
Committente: privati

Anno: 2008
Progettazione: arch. Mariangela Pini
Certificazione: Cened+ Regione Lombardia
Classe energetica: C
Materiale: murature in blocchi di laterizio, copertura in legno lamellare

Relazione:
Complessivamente il progetto ha visto il recupero dell’intero piano sottotetto condominiale di una palazzina dei primi del novecento costituita da 6 unità immobiliari esistenti e che ha portato alla realizzazione di due nuovi appartamenti.

Le due unità immobiliari di nuova realizzazione – denominate “Casa F” e “Casa R” – pur mantenendo una logica progettuale comune, hanno caratteri ben distinti.
Nel progetto è stata conservata l’altezza di colmo della copertura precedente, aumentando l’altezza in gronda sino ad ottenere l‘altezza media ponderale richiesta in ogni locale e recuperando il massimo dello spazio sfruttabile.

La palazzina ha struttura portante in mattoni pieni, ed il sottotetto si presentava tagliato in senso longitudinale del muro di spina, con passaggi intermedi ad arco. Il muro di spina è stato conservato nella quasi totale integrità, sfruttando per lo studio planimetrico degli appartamenti, i passaggi ad arco come ingressi alle camere e nicchie.

I materiali utilizzati sono di tipo tradizionale, con discreti valori di conducibilità termica ed elevata massa superficiale. La combinazione di questi elementi e la cura nella realizzazione del progetto ha portato ad una classe energetica buona nonostante il volume abbastanza articolato della copertura.

Gli appartamenti sono illuminati da finestre allineate a quelle dei piani sottostanti ed integrate ove necessario da lucernari . Tutti i serramenti rispettano i limiti di trasmittanza in vigore nell’anno di costruzione ed hanno vetrate bassoemissive. Nelle zone centrali di distribuzione la luce naturale è garantita da tunnel solari.

La copertura di nuova realizzazione è di tipo ventilato, con struttura in legno lamellare ed isolamento termico realizzato con un doppio strato di pannelli di polistirene estruso .
Per ogni unità immobiliare è stato realizzato un impianto di riscaldamento autonomo, di tipo radiante a bassa temperatura, alimentato dalla caldaia a condensazione .

Ognuno dei due appartamenti è dotato di impianto solare per la produzione di acqua calda sanitaria e in “Casa R” l’apporto solare è utilizzato anche ad integrazione dell’impianto di riscaldamento.
Agli interventi di rinnovo e progettazione sono stati abbinate anche alcune scelte “conservative” come l’attento lavoro di recupero dei mattoni a vista del muro di spina.

Superficie, potenzialità e prestazioni energetiche dei due appartamenti sono equivalenti , ma internamente gli spazi presentano una forte connotazione individuale che rispecchia esigenze ed abitudini abitative dei rispettivi proprietari.

Recupero sottotetto

Recupero abitativo del piano sottotetto con formazione di due appartamenti indipendenti

Risanamento energetico con recupero sottotetto di un fabbricato monofamiliare a Milano


Milano
Recupero abitativo del piano sottotetto con risanamento energetico dell'intero stabile
Committente: privato

Anno: 2016-2017
Progettazione: arch. Mariangela Pini arch. Alberto Grimaldi
Certificazione: Cened Regione Lombardia
Classe energetica: A
Materiale: murature in laterizio, copertura in legno lamellare

Relazione:
Il progetto è partito dalla richiesta del Committente di risanare energeticamente una palazzina monofamiliare facente parte di un complesso di costruzioni risalenti al 1926. Il progetto si è poi esteso al recupero del sottotetto. L'isolamento previsto è in parte a cappotto esterno ed in parte posizionato all'interno. L'intervento prevede il rifacimento del solaio di calpestio del sottotetto e del tetto che verrà isolato con fibra di legno. Verranno completamente rifatti gli impianti e l'immmobile sarà dotato di VMC con recuperatore statico di calore.


 

Descrizione immagine

posa del cappotto interno in idrato di silicato 

di calcio

Descrizione immagine

pannello in xps – base del cappotto

Descrizione immagine

posa isolante in lana di legno a pavimento

Descrizione immagine

parete perimetrale X-LAME

Descrizione immagine

montaggio timpano di copertura

Descrizione immagine

posa concio tipo copertura

Descrizione immagine

vista copertura dall'interno

Descrizione immagine

posa del davanzale

Descrizione immagine

davanzale con isolante posato

Descrizione immagine

teli tenuta al vento

Descrizione immagine

centrale termica con accumolo

Descrizione immagine

stato di fatto, esternolab residenza-01

Descrizione immagine

stato di fatto, interno

Descrizione immagine

preparazione del foro finestra

Descrizione immagine

coibentazione interna con teli di isolante multistrato riflettente 

Descrizione immagine

Luce zenitale per le zone corrispondenti
al colmo

Descrizione immagine

Luce naturale attraverso i tunnel solari 

posa dell’impianto radiante 

posa dell'impianto radiante

Descrizione immagine

comfort e carattere: recupero del muro 

di spina in mattoni pieni 

Descrizione immagine

la prima fase del cantiere

interno casa R e F

Descrizione immagine
Descrizione immagine